Costume & Società, Musica

Recensione dell’album “Wonder” by Scarlet

di Sara Corrieri 

ARTISTA: Scarlet
ALBUM: Wonder
GENERE: Rock, Alternative
TRACCE:

  1. Wonder
  2. Demon
  3. Take me back
  4. Behind
  5. You uh
  6. Layne
  7. Another
  8. Arizona

31′

ETICHETTA: Luma Records
DATA PUBBLICAZIONE: 26 Marzo 2018

“…finalmente una voce e un personaggio femminile non scontato, misterioso e dannato come le icone del passato a cui si ispira…”

La recente scomparsa di Dolores O’Riordan, frontwoman dei The Cranberries, ha segnato una generazione. In poche sono riuscite ad eguagliare il suo modo scomposto e carnale di cantare le emozioni, anche quando fanno male. Ascoltare Wonder (in anteprima per Derivati Sanniti, l’album uscirà il 26 marzo, ndr), LP d’esordio della giovane rocker campana Scarlet, riporta inevitabilmente alla cantautrice irlandese.

E questa è già un’ottima premessa.

_Scarlet (6)

Sono otto le tracce proposte da Rossella Sicignano, figlie del progetto musicale Scarlet, punto di arrivo di un percorso importante di maturazione artistica che passa dal teatro alla recitazione, fino ad arrivare al cantautorato e alla musica. Il risultato è un personaggio forte ma complesso, di grande tensione espressiva, dove il tono aggressivo e sensuale nasconde (ma non troppo) tratti di debolezza e solitudine.

Wonder, interamente scritto in lingua inglese, racconta l’Amore, ancora una volta, ma non rinnega le sue forme più spregevoli, come la violenza nel rapporto di coppia, o il dolore di una perdita, come la morte di un amico o l’assenza di un padre.

L’album si apre con Wonder, omonimo singolo, dove la linea stilistica di Scarlet viene messa subito in chiaro: gusto gotico e sonorità alternative per la musica,  l’Amore in tutte le sue sfaccettature ed ambiguità nei testi. In Demon (qui il video ufficiale) la rabbia per un sentimento malato viene espressa al meglio da accordi rock più puristi e voce sintetizzata. Con Another, Take Me Back ed Arizona il ritorno alla scena rock 70′ – 90′ è più evidente, mentre i testi si fanno più intimi ed introspettivi: Scarlet ci racconta la depressione vissuta come rassegnazione, consapevolezza di vivere una vita dove ogni cosa vale l’altra e non ci si aspetta alcuna via d’uscita. Con 4 Behind e You Uh torniamo un po’ ragazzini: l’urlo è quello tipico adolescenziale, dello sfogo, dove ogni nota sa di liberazione e ribellione. Infine Layne, forse il brano più toccante dell’interno album, dove Scarlet immagina il dialogo con un padre lontano, che non c’è stato, ma che si ama troppo per poterlo accusare delle proprie sofferenze.

_Scarlet (5)

La prima prova di Scarlet è potente al punto giusto ma il contenuto rimane troppo allo stato grezzo. Si sentono forti carenze nell’elaborazione sia della musica che dei testi, ma nulla di irrecuperabile. Quel tipo di album che ti chiede un ascolto in più perché manca di quello step comunicativo che lo lancia dritto in fondo al cuore.

Scarlet è un progetto musicale interessante e fertile, finalmente una voce e un personaggio femminile non scontato, misterioso e dannato come le icone del passato a cui si ispira. Un buona la prima con ampio margine di miglioramento. Girl, you rock! 

Voto: 3/5

 

 

 

Annunci