Cultura & Intrattenimento

Spyro Regnited Trilogy: finalmente è tornato!

di Alfredo Salomone

Giovedì 5 aprile era una normalissima giornata in cui io ero davanti allo smartphone a leggere le ultime news sui videogiochi. Appare la prima notizia del momento, all’improvviso esce la gallery del remake del draghetto viola e io con il cuore che mi batteva forte ero felicissimo di questa notizia, la cosa bella è che non era ancora stato annunciato ufficialmente, però subito dopo, durante il pomeriggio, arriva l’annuncio ufficiale con un trailer di un minuto di pura bellezza assoluta. Dopo il grande ritorno del marsupiale più amato di tutta la nostra generazione anche Spyro tornerà nei negozi il prossimo settembre su PS4 e XBOX ONE con una magnifica grafica cartoonesca in 4K e miglioramenti dei controlli.

Cosa ci possiamo aspettare da questo remake della trilogia?

Con l’ultimo aggiornamento di Crash Bandicoot N. Sane Trilogy nel menu principale dove selezioni i tre capitoli della serie è possibile aggiungere un codice, andando verso Crash Bandicoot 3 infatti potete fare questa combinazione: su, su, giù, giù, sinistra, destra, sinistra, destra e uscirà il trailer di Spyro e sto pensando che quando uscirà questa trilogia potrebbero aggiungere qualche indizio riguardo il remake di Crash Team Racing tramite codice? Sarebbe fantastico se annunciassero anche quello!I boss, vedendo meglio il trailer, posso dire che sono migliorati molto come movimento e attacchi mentre il design me lo immagino molto figo, vorrei vedere come ridisegneranno i tre boss principali (anche Hunter e Riccone).Secondo i rumors che ci stanno bombardando da mesi potrebbero essere aggiunti anche dei livelli bonus che erano stati scartati durante lo sviluppo dei tre capitoli originali.Che dire, posso immaginare come rifaranno le sfide sugli skate nel terzo capitolo, le sfere di cristalli, i draghi imprigionati nei cristalli di Gnasty Gnorc e tanto altro!Da grande amante dei draghi ma soprattutto Spyro (o Spiro per i nostalgici) non vedo l’ora che arrivi questa magnifica collection rifatta nei minimi dettagli.

Tomas

La mia nostalgia del draghetto

Era il 2000, avevo circa 8 anni, andai con mio padre a prendere qualche gioco per Playstation e tra quelli disponibili c’era lui, Spyro The Dragon, primo capitolo della saga. Preso questo videogioco particolare corro subito a provarlo, accesa la console uscì la solita schermata Sony Computer Enteirnament, Universal Interactive ecc.

L’avventura partiva con un doppiaggio da cani e una trama veloce, subito bisognava salvare il primo drago dal cristallo, andare al primo livello ed era subito droga! Mesi e mesi e interi pomeriggi a giocare a questo fantastico gioco, poi ne uscirono altri due. Il secondo era migliorato, aggiungendo le sfide, più longevità e più trama rispetto al precedente. Anche qui interi pomeriggi per completare il gioco. La cosa buffa che rimarrà nei nostri ricordi (per chi ha avuto la copia masterizzata vù cumprà) è stato il terzo, anche quello migliorato e si poteva giocare con altri personaggi tipo Sheila il canguro, l’uccello Sergente Byrd, Agente 9 la scimmia cyborg, Betley lo yeti e il suo compagno affidato Sparx.

L’obiettivo di quest’ultimo capitolo è quello di raccogliere 150 uova di drago rapite dalla maga chiamata Bianca accompagnata dai suoi scagnozzi. Interi pomeriggi anche qui ma arrivato all’ultimo mondo, finalmente, eravamo giunti alla battaglia finale ma il giorno seguente succede un casino… le uova si stavano azzerando! Più salvavamo la partita e più i progressi diminuivano. Sarà stato il gioco a fare brutti scherzi? No, era la copia taroccata che dava i numeri, infatti, prima di accedere al gioco appariva una schermata in cui potevi scegliere le vite infinite, l’immortalità e tutte le uova. Non potevamo fare niente per arrivare al boss finale a meno che non ci fossimo procurati una copia originale che nessuno aveva. Lo scorso anno sono riuscito a procurarmi una copia originale, ci ho rigiocato per tanto tempo e finalmente dopo anni csono riuscito a superare tutto e completandarlo al 100%.

Non dimenticherò le sue ambientazioni medievali/semi-futuristico, il gamplay complesso, le fantastiche colonne sonore e i ladri fastidiosi.

Nel 2002 arrivò il quarto capitolo ed era il primo capitolo di Spyro ad essere sviluppato da terze parti. A dir la verità non ho mai giocato a questo capitolo né ho avuto l’onore di provarlo ma vedendo in rete il gameplay e la sua grafica posso dire che era davvero una ciofeca ma soprattutto il doppiaggio era ancor peggio di prima. Se mi capita di trovare una copia di questo obbrobrio lo proverò per poterlo giudicare ufficialmente. Ma non è ancora finita, visto che Spyro e Crash non sono più di proprietà di Sony, gli sviluppatori continuavano a creare altri capitoli della serie su altre console soprattutto un crossover con Crash Bandicoot. L’unico che ho apprezzato molto è stata la trilogia del reboot, The Legend of Spyro, aveva una bella trama a mio avviso. Dopo aver finito questa trilogia il buio più totale… a meno che Activision non proponga un gioco con le statuette chiamato Skylanders con protagonista Spyro! In questa versione non era più lui, sembrava più una lucertola che un drago ed era bruttissimo come lo hanno ridotto. Spero che la Regnited Trilogy non faccia altri capitoli di Skylanders con quel Spyro lucertoloso.

Finisco qui la mia storia e ripeto che non vedo l’ora di provare questa magnifica collection, è meglio che mi procuri una PS4 che è sempre la migliore in assoluto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...