Costume & Società

“Amours Interdites”, amori proibiti da frontiera, religione, legge e discriminazione

di Silvia Martignetti

È di Anne Loussouarn, giornalista e autrice televisiva francese, l’idea alla base di Amours Interdites – Qu’est-ce qui interdit d’aimer? (“Amori Proibiti – A chi è proibito amare?”), realizzata dal canale culturale franco-tedesco arte. I suoi creatori lo hanno definito un Logo-Canale-Artedispositivo transmediatico – ovvero multipiattaforma – il cui obiettivo è spingere il pubblico a interrogarsi sulla società, sulle sue rigide norme, sul loro impatto e sulle conseguenze che ricadono sui singoli individui, influendo drasticamente sulle loro esistenze.

L’argomento intorno al quale si impernia l’insolito webdocumentario è, come deducibile dal titolo, l’amore. Non l’amore di tutti i giorni, tuttavia, né tantomeno il ritrito teatrino artificiale di matrice hollywoodiana: parliamo di amori celati, nascosti, vissuti nell’ombra, ostacolati da tradizioni centenarie e discriminazioni annose, i quali riescono nonostante tutto a sbocciare tra le avversità. Ma, lungi dall’andare incontro a un lieto fine fiabesco, gli sfortunati amanti sono costretti a fronteggiare le ben più realistiche ripercussioni conseguite alla decisione di intraprendere una relazione fortemente osteggiata dalla società in cui vivono.

Sono otto gli episodi del webdocumentario, otto le coppie di diversa nazionalità che hanno fornito la loro testimonianza. Conosciamo dunque la senegalese Khady, le cui umili origini sono un ostacolo alle nozze col nobile Massamba; il francese Christophe, sacerdote spogliatosi dell’abito religioso per amore di Valèrie; la cinese Cici e la compagna Max, costretta a fingersi uomo per nascondere la loro relazione omosessuale; l’indiano Mohammed, separato dalla bengalese Shanara da una delle frontiere più sorvegliate al mondo; l’ebrea Ilana, il cui matrimonio con l’islamico Muhi ha inimicato loro le rispettive famiglie; il colombiano Keiner, riserva dell’esercito regolare innamoratosi della rivoluzionaria Angela; l’olandese Conny, impossibilitata a trascorrere insieme a Pepe, in prigione per omicidio, non più di qualche ora; la statunitense Ashlyn, incurante della discriminazione razziale a cui va incontro in coppia con l’afroamericano Ra’Montae.

I protagonisti narrano la propria storia a due voci, accompagnati da approfondimenti beautyche contestualizzano il perché dell’esistenza del tabù: si prende in esame la storia dei paesi da cui provengono i due amanti, dell’ostacolo citato durante l’episodio, delle difficoltà e dei pregiudizi che fronteggiano quotidianamente. “Amours Interdites” pone ai suoi spettatori un quesito che releghiamo spesso al contesto letterario e mediatico, stracolmo di Romei e Giuliette separati da conflitti più grandi di loro: quali sono le barriere fisiche e non che, al giorno d’oggi, impediscono a due persone di amarsi liberamente?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...