Attualità & Territorio, Costume & Società

La favola di Iman #solidarietàinviaggio

La redazione

Quello del protagonista di questa storia è uno dei tanti volti che forse, in una grande città, sarebbe passato inosservato. È uno dei volti che, durante una passeggiata, ti porgono una rosa, non importa che sia estate o inverno, che l’afa spadroneggi o imperversi il vento e il gelo. È uno dei volti che la città di Benevento ha imparato a conoscere: il suo nome è Hossain Emran Iman, bengalese appena diciottenne. Ed è proprio in occasione del suo compleanno che la sua “favola” ha inizio.

Iman nasce in Bangladesh diciotto anni fa, e da circa tre lavora in Italia come venditore di rose. Il viaggio per giungere nel nostro paese è durato ben dieci mesi, una lunga odissea tra difficoltà e mille peripezie. Iman Immagine2vuole costruirsi un futuro, guardare al domani con speranza, così si lancia in una quotidianità fatta di sveglie all’alba per andare a Pompei a ritirare le rose giornaliere, ritorni precipitosi a Benevento e notti di sorrisi e fiori offerti ai passanti. Iman non perde occasione di stringere amicizia con alcune persone del luogo, le quali imparano a conoscere il suo carattere gentile ed educato, ascoltano il racconto della sua vita, lo sentono esprimere nostalgia di casa e di quella famiglia che non vede da anni. E così, lo scorso giugno, nasce #solidarietàinviaggio, un progetto ideato da quegli amici in occasione del compimento dei diciotto anni.

Il gruppo si mobilita non solo per ospitare una festa a sorpresa al “Mirage”, un bar beneventano, assieme a tutti coloro che Iman ha incontrato in questi anni, ma soprattutto decide di optare per un regalo molto speciale: un biglietto aereo per il Bangladesh per permettergli di tornare a casa per un mese e, finalmente, rivedere la sua famiglia. Viene avviata una colletta affinché tutti i cittadini possano fare una piccola donazione tramite dei punti donazione ospitati da alcuni negozi, sui social network rimbalza l’appello, la voce si sparge. Pian piano la cifra sale, mentre giorno dopo giorno il tempo passa e la data X si avvicina.

ImmagineIl due dicembre, infine, Iman viene condotto nel locale e opportunamente festeggiato, ma il momento più emozionante è sicuramente la consegna del regalo. Sono presenti anche stampa e telecamere locali, alle quali Iman e i suoi amici raccontano la storia del giovane bengalese e il suo nuovo sogno: la speranza di trovare un lavoro. Una speranza appoggiata da #solidarietàinviaggio, che potrebbe costituire un ulteriore passo verso una piena integrazione.

Una piccola favola di umanità, amicizia e solidarietà, quella di Iman, a cui la cittadinanza beneventana si è stretta attorno per augurargli buon viaggio da parte della sua città adottiva.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...