Sport

La Juve pareggia in Champions. Un male?

Altri due punti persi in questa stagione partita in maniera proprio strana per la Juventus. Come al solito difficoltà a palleggiare causate dalla mancanza di connessione tra i reparti offensivi e da un centrocampo basso decisamente indeciso. Un centrocampo che dopo aver perso due delle sue fondamenta pratiche ma anche simboliche non riesce a trovare continuità. Oggi a tre, domani a quattro, oggi Khedira, domani Hernanes. Da una delle tante palle perse in fase d’impostazione deriva il goal del vantaggio tedesco. Certo gli infortuni non aiutano (Pereyra e lo stesso Khedira in ultimo) ma non tutto può dipendere da questo. Ricordo che anche Padoin o Giaccherini riuscivano a contribuire alla manovra senza far danni nei tempi d’oro.

La verità, Signore e signori miei, è che la Juve gioca male a pallone! Non ha un’idea precisa di come stare in campo e si deve affidare a giocate individuali che non sempre posso essere incisive (da qui anche le ultime critiche a Pogba e Morata). E la verità purtroppo è anche che questa cosa va avanti da un anno. Certo però avere Pirlo e Tevez rendeva tutto meno evidente. Aver ripareggiato in Champions  dimostra che non è una questione di stimoli ma esclusivamente di gioco. Dove voglio arrivare? Allegri è un ottimo allenatore e una simpaticissima persona ma deve allenare il Cagliari. Non ha la ben che minima idea di come progettare una squadra (e per quanto non lo gestisca lui anche il mercato disorientato di quest’anno lo dimostra) e senza l’Ibrahimovic o il Vidal della situazione risulta ininfluente.

Paul+Pogba+Juventus+v+FC+Internazionale+Milano+gXA7LhUVuTJl

Che Pogba ci salvi! Sì questo sembra l’andazzo di quest’anno e anche la partita di ieri lo dimostra. Serata illuminata per il centrocampista francese che lotta, danza col pallone, fa un assist al bacio e, a parte gli angoli, è l’unico a impensierire la difesa avversaria. Funzionerà? No ovviamente.

Cosa fare? So che ora si ragiona all’inglese e che forse è troppo italiano e scurrile dire “esoneriamo Allegri”. Io dico però esoneriamo Allegri. Esoneriamo Allegri perché non ha saputo condizionare il mercato. Perché a novembre iniziato ancora non ha schierato una formazione uguale e non riesce a capire quale preferisce. Perché più di tuttto non riesce a far giocare a pallone la squadra. Conte poteva mettere anche il 2-2-6 la squadra sapeva cosa fare. La difesa e il centrocampo non avrebbero mai buttato una palla né avrebbero avuto paura di perderla. Non c’erano Pirlo e Vidal? Padoin sapeva cosa doveva fare perché l’idea di gioco era quella. Un guardiolismo un po’ più nervoso.

Senza essere nostalgici quindi esonerato Allegri punterei su Montella. Mi piaceva come giocava la Fiorentina e quella squadra, con Rossi e Gomez, avrebbe meritato di più.

Un’ultima cosa. Lo splendido ritorno di Lichtsteiner? No ragazzi non prendiamoci in giro. Augurandogli il meglio, ho sempe pensato che il suo infortunio fosse stato una manna dal cielo per convincere Allegri a far giocare solo e unicamente Cuadrado. Ieri lo svizzero (a parte il goal meraviglioso) ha corso e si è sacrificato molto. Lo stava facendo anche Cuadrado nelle ultime partite con la differenza che il colombiano non ha mai beccato un difensore quando ha cercato di crossare. Lichsteiner ieri sera due tentativi due uomini abbattuti. Di certo non gli manca la mira.

di un tifoso

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...