Costume & Società

Una vita di cartoon!

di Sara Corrieri

Cartoon

Sarà che a (quasi) 20 anni soffro già della temibilissima “sindrome di Peter Pan”, sarà che in questo momento ho una voglia infinita di cazzeggiare, possibilmente svolgendo attività che implichino lo 0, 1 % delle mie risorse cognitive, questa volta ho deciso di parlarvi di cartoon! O meglio, dei dieci cartoni animati più visti nella storia della televisione e amati da milioni di bambini (e non solo). Curiosi? Iniziamo con la nostra classifica bottom-up!

10 – Spongebob

ImmagineChi non conosce le (dis)avventure della simpatica spugna marina creata dal biologo marino e disegnatore Stephen Hillenburg? Prova del nove: Siete pronti ragazzi? Se avete pensato Sì, signor capitano! è fatta. Cartone “stupidino”, penserete, eppure ci ritroviamo sempre a guardarlo. Forse perché ci immedesimiamo nei personaggi. No, non sto dicendo che ci sentiamo rappresentati da molluschi, voglio solo dirvi che se ci pensate ogni personaggio non è altro che l’incarnazione di uno dei sette peccati capitali. Patrick è la rappresentazione della pigrizia. È passivo e il più delle volte sta sdraiato su di una roccia senza fare niente di costruttivo. Squiddi, il calamaro, rappresenta l’ira. Odia la sua vita, solitamente odia SpongeBob ed è praticamente sempre arrabbiato. M. Krabs rappresenta l’avidità, è tirchio e vuole fare soldi. Plankton è la personificazione dell’invidia: è invidioso di Mr. Krabs perché il Krusty Krab è un successo mentre il suo locale, il Chum Bucket, è un fallimento. Gary, la chiocciola domestica di Spongebob, è divertente ma il suo peccato è la gola. Almeno così sembra dal fatto che spesso Spongebob dica “non dimenticate di dar da mangiare a Gary” oppure ” vado a dar da mangiare a Gary”. Sandy é la rappresentazione dell’orgoglio che la scoiattolina dimostra quando dice a tutti che viene dal Texas e che è un mammifero, una creatura della terra. SpongeBob infine dovrebbe rappresentare la lussuria, che sembra un po’ bizzarra come definizione se riferita alla nostra spugna. L’autore del topic ha pensato alla lussuria intesa come eccessivo amore verso gli altri, cosa che lo spinge ad aiutare il prossimo. Interessante, no?

9 – DRAGON BALL Z

Immagine2Mi aspettavo di trovarlo più in alto, sinceramente. Non parliamo di un anime, parliamo di leggenda. I numeri sono a dir poco impressionanti, milioni di fumetti e milioni e milioni di appassionati. Secondo me ha segnato una generazione. Inutile aggiungere altre parole. Respect.

8 – I FLINSTONES

Immagine3Scende la lacrimuccia solo a pensarci. Da bambina ne andavo matta. Le avventure della famiglia della preistoria sono iniziate nel 1960 e non hanno mai smesso di raccogliere successi! The Flintstones, la cui traduzione dall’inglese è pietra focaia, ha conquistato tutti, merito anche della celebre sigla “Meet the Flinstones” e del film che nel 1994 è stato prodotto per il grande schermo , “I Flinstones”, in cui John Goodman veste i panni di Fred Flintstone e Rick Moranis quelli dell’amico Barney. Ben 166 puntate di “Yabba-Dabba-Doo!.

7 – I GRIFFIN ( FAMILY GUY)

Immagine4Da una celebre famiglia del passato a una celebre famiglia del presente. Ironici e spietati, cavalcano l’onda della satira e della critica alla società moderna. I Griffin ha generato molte controversie per il suo approccio brusco su temi sensibili, senza eccessive preoccupazioni per i limiti del buon gusto. Questa fu una delle ragioni primarie della sospensione iniziale. Molti episodi hanno un contenuto controverso, che in più casi è stato censurato; tra i temi di cui i Griffin si sono burlati ci sono la religione, il razzismo, il neonazismo, l’alcolismo, il terrorismo, il sesso, la pedofilia e l’anoressia. Io penso che sia un modo valido per aprire gli occhi al nostro miope senso comune. Dio benedica la satira!

6 – SCOOBY DOO

Immagine5Grande classico dal 1969. Il cane fifone e goloso e il suo compagno di avventure Shaggy hanno fatto sorridere grandi e piccini. Tra inseguimenti, misteri e fantasmi “farlocchi”, Scooby-Doo ci ha insegnato che le paure sono solo nella nostra mente.

5 – TOM E JERRY

Immagine6Che dire, non ha bisogno di presentazioni. Nato nel 1940, ha permesso a nonni e nipoti di avere un cartone in comune. Il gatto e il topo più famosi della TV che si rincorreranno all’infinito, tra dispetti e tenerezze.

4 – ROAD RUNNER

Immagine7Allora, io mi schiero sin da subito: sono dalla parte del povero Willy il coyote e odio il “BIP-BIP” di quel pennuto. Un inseguimento senza fine, con esiti esilaranti e disastrosi. Non vorranno forse dirci che una ricerca affannosa e disperata del nostro oggetto del desiderio non è sempre la scelta migliore?

3 – LOONEY TUNES

Immagine8Saliamo sul podio con la crew più famosa della Warner Bros! Un po’ indecisa sul mio idolo: Bugs Bunny o Titti? In ogni caso sono nata nella generazione di Space Jam e quindi i Looney Tunes non si toccano!

2 – THE SIMPSONS

Immagine9Okay, okay, ve l’aspettavate al primo, lo so. La famiglia più famosa d’America conta ben 576 puntate dal 1989! Ormai fanno parte del senso comune. Fenomeno virale da 25 anni. Ironici, satirici, a qualcuno di noi sono riusciti ad insegnare anche un po’ di storia. Ad altri hanno trasmesso una filosofia di vita. Ecco qual è il significato della vita secondo Homer, naturalmente questa frase è pronunciata in un contesto molto più leggero, il che fa perdere il vero significato allo spettatore disattento (Homer la pronuncia come risposta a Marge, che lo rimprovera per aver passato tutta la notte a fare la guardia alla sua montagna di zucchero).

“Non posso vivere una vita convenzionale… Io voglio tutto: le discese ardite e le salite stordite. Certo potrei offendere qualche naso dal sangue blu con il mio incedere vanitoso… io non sarò mai il prediletto di chi schiocca la lingua, si alliscia la barba e parla di ciò che deve essere fatto da questo Homer Simpson”.

1 – TOPOLINO

Immagine10And the winner is… Mickey Mouse! Creatura della Disney nata nel 1928, riesce ancora a sbaragliare la concorrenza. Dai mitici fumetti ai famosissimi cartoon nessuno in vita sua è mai riuscito a resistere al suo fascino. I film natalizi, la sigla… troppi ricordi. Mi fermo qui.

Come ribaltereste la classica? Qual è secondo voi un must che deve essere assolutamente aggiunto? Sono curiosa, commentate!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...