Sport

E Davide sconfisse Golia

di Vincenzo Marchitto

11652166_906536392737511_170215850_n“Il migliore al mondo contro il migliore dell’anno, sono un sognatore e dico Cleveland. Mettetevi comodi sul divano, l’attesa è finita. È tempo di NBA Finals.” Così ho scritto prima che iniziasse l’atto conclusivo. Volete sapere come è andata a finire?

Siamo giunti al termine di un’altra straordinaria stagione, ricca di emozioni, positive e negative. I Cleveland Cavaliers sono stati sconfitti dai Golden State Warriors, i quali sono stati incoronati come nuovi campioni NBA. Ma vediamo come sono andate le cose.

11429638_906537849404032_1095385639_n

Il percorso dei Cleveland Cavaliers nella postseason è stato palesemente meno impegnativo rispetto a quello dei californiani, complice sicuramente il livello tecnico più elevato della Western Conference. Sin da gara Uno, sono evidenti le carenze e i punti deboli di entrambe le squadre. Mentre i Cavs cercano di dominare dal punto di vista mentale, i Warriors dominano sul piano tecnico-tattico, pur non giocando al 100%. A volte però la sfortuna può giocare brutti scherzi, proprio nel momento fondamentale della stagione. Kyrie Irving entra in area e realizza l’ennesimo crossover, la specialità della casa, ma accade qualcosa di inaspettato: “Ho cercato di fermarmi come ho già fatto mille volte. Ho cercato di trattenermi e tutta la mia forza è finita sul mio ginocchio, poi Klay (Thompson) mi ha colpito accidentalmente, nel posto giusto al momento giusto”. Kyrie lascia il campo nel silenzio generale: frattura della rotula, out dai quattro ai sei mesi. Un macigno cade addosso ai Cavs, che dopo aver perso il secondo violino, Kevin Love, si vedono privati anche del proprio playmaker, la strada si fa ancora più in salita.

11647176_906537829404034_2078768720_nIn gara 2 e in gara 3, come da pronostico, sale in cattedra il giocatore che anche il miglior difensore al mondo – vedi un certo numero 20 dei San Antonio Spurs, che lo ha affrontato nelle scorse Finals – non vorrebbe mai trovarsi davanti. LeBron James frantuma record su record, segnando rispettivamente 39 e 40 punti in entrambe le gare, e portando i suoi clamorosamente in vantaggio. La magia dell’MVP sembra ad un tratto scomparsa nel nulla, ma nella pallacanestro la partita finisce quando suona la sirena. I Warriors vincono una fondamentale gara 4 alla Quicken Loens Arena, in quel di Cleveland, riportando dalla propria il fattore campo. Ora si torna a Oakland, e grazie ad un supporting cast di lusso, Steph Curry torna a fare l’MVP, vincendo ancora, in maniera netta. Sin dall’inizio era già tutto scritto, la storia era già stata scritta: i Cavaliers non ne hanno più, il roster dimezzato non può contrastare lo strapotere della migliore squadra della lega. Ciò ha dimostrato quanto il basket possa essere un gioco di squadra, e che un singolo, anche se con capacità a tratti non umane, non può a lungo andare trionfare da solo.

11541231_906537809404036_2076820039_nFinisce così Gara 6,105-97. I Warriors sono i nuovi campioni del mondo. Draymond Green guarda negli occhi il suo playmaker e grida: “Siamo i campioni Steph, siamo i campioni”. Curry lo guarda sorridendo e con gli occhi visibilmente commossi dice: “What? What?”. Davide ha sconfitto Golia. Da un lato il sogno realizzato del giovane Stephen, che con la vittoria dell’anello si consacra nuovo volto della pallacanestro mondiale; dall’altra quello a cui sin da bambino dicevano: “Tu diventerai il migliore, tu sei il prescelto“, che arriva in finale per la sesta volta e per la quarta viene sconfitto. Un altro anno è finito, i due campioni si abbracciano e mentre il 30 si allontana esultando, il 23 lo guarda con gli occhi di chi pensa: “Complimenti a te, Steph, hai vinto questa battaglia, ma la guerra, è appena iniziata”.

Annunci

1 thought on “E Davide sconfisse Golia”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...