Cultura & Intrattenimento

“Che cos’è l’inferno? La sofferenza di non poter più amare”

di Elisa Calabrese

Titolo: Ciò che inferno non è

Autore: Alessandro D’Avenia

Genere: Romanzo

Casa Editrice: Mondadori

Data di pubblicazione: 28 Ottobre 2014

cio-che-inferno-non-e-900Un intenso 1993 fa da sfondo al nuovo romanzo di Alessandro D’Avenia il cui protagonista è un ragazzo di nome Federico che, con i suoi occhi da diciassettenne, racconta la storia di Don Pino Puglisi. Federico, in una calda giornata d’inizio estate, decide di aiutare Don Pino nel suo centro di accoglienza “Padre Nostro” situato a Brancaccio, zona particolarmente oscura di Palermo. Velocemente Federico si trova catapultato in una realtà cruda e brutale a lui sconosciuta che, lentamente, cambierà il suo modo di vedere le cose. Brancaccio è una zona palermitana dominata da Cosa Nostra che con i suoi “scagnozzi”, “il Cacciatore” e “il Turco”, trascina la maggior parte dei ragazzini nella grossa trappola della mafia; il centro “Padre Nostro” è l’unico mezzo che Don Pino ha per sottrarre i giovani alla strada e alle sue regole.

“L’inferno esiste. Ed è qui. In queste strade feroci in cui i lupi fanno la tana. E gli agnelli insanguinati tacciono perché hanno più cara la vita di ogni altra cosa. […] Inferno è un padre che toglie la vita ai figli. L’inferno esiste ed è pieno. Non è al di là, ma al di qua, con mappe e indirizzi. Su Tuttocittà 1993.”

Innumerevoli avventure, dalle più spensierate alle più dolorose, permetteranno a Federico e Don Pino di aiutarsi a vicenda, di crescere e di scoprire nuove cose.

daveniape_2674593_314414

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...